Tre generazioni per una famiglia elettrica

Esiste una famiglia che si muove solo con auto elettriche? Non una semplice famiglia che ha un’auto elettrica, ma tre generazioni a bordo di tre differenti veicoli EV. Abitano a Medicina, in provincia di Bologna e sono entusiasti della mobilità elettrica.

Le tre generazioni sono nonna Iole su Renault Zoe, babbo Leonardo su Nissan e-NV 200 e sua figlia Rachele su una Nissan Leaf. Entusiasti e convinti, non tornerebbero mai indietro.

Certamente le motivazioni di essere pienamente sostenibili dal punto di vista energetico, sono alla base di una scelta che può sembrare estrema, ma in realtà per loro oggi si tratta di una scelta di comodità, sicurezza e convenienza. Sicuramente loro rappresentano il simbolo di una modernità sempre più vicina e di uno stile di vita sempre più rispettoso del nostro pianeta. Vediamo quindi come vive una famiglia elettrica al 100%.

nonna elettrica

Una nonna elettrica in famiglia

Nonna Iole si presenta subito come un fiume in piena ed un vulcano di entusiasmo. Inizialmente spinta da Leonardo, nonna Iole utilizza l’auto per andare al bar del paese, bersi un caffè, leggere il giornale e, magari, fare la spesa chiacchierando con le amiche. Con un po’ di malcelato orgoglio racconta come ogni volta che mette in carica la sua auto, nel pieno centro di Medicina, intorno a lei si raccoglie un piccolo capannello di nonni e nipoti incuriositi, e lei racconta il piacere della guida elettrica. La cosa che più le piace è che l’auto elettrica è molto semplice da guidare: “Niente marce, pedali, troppe complicazioni…. Avanti, indietro…..e che grinta alla partenza!!!

Il capo famiglia elettrico

Se dovessimo cercare un “colpevole” (ma dovremmo parlare di meriti più che di colpe) per la nascita di  questa famiglia elettrica, partiremmo da lui: Leonardo il babbo elettrico. Leonardo Setti è un docente universitario e si occupa proprio di energia elettrica e sostenibilità. Professore universitario e ricercatore presso il Dipartimento di Chimica Industriale dell’Università di Bologna nonché presidente del Centro per le Comunità Solari, associazione senza scopo di lucro da lui fondata insieme ad alcuni colleghi nel 2015.  Ha scelto una Nissan e-NV 200, un’auto dalla grande versatilità nonostante sembri un furgoncino. Le sue motivazioni? Non solo etiche: “Le elettriche costano troppo? Basta confrontare quanto paghi l’acquisto di un’auto normale e quanto l’andrai a pagare in 10 anni, facendo lo stesso con un’auto elettrica.”

babbo famiglia elettrica

Quando la famiglia elettrica parla ai giovani

Rachele, 21 anni, è la rappresentante elettrica più giovane della famiglia di guidatori. Con i suoi 21 anni rappresenta la generazione dei neopatentati che approcciano alle prime guide in autonomia. È passata da una micra ad una Leaf 100% elettrica con non pochi problemi sulla gestione delle batterie. I suoi amici guardano con scetticismo all’elettrico, soprattutto perché pesano male i costi ed i benefici. Poi in realtà, racconta Rachele, che quando c’è da uscire, l’auto preferita da tutti è la sua….